google-site-verification: googleadcb64296a045b2d.html

Processo Sopaf, Camporese assolto con formula piena

Andrea CamporeseAndrea Camporese, ex presidente Inpgi e Adepp e vicepresidente europeo delle casse previdenziali dei professionisti della Ue, è stato assolto dalle accuse di truffa e corruzione dal Tribunale di Milano nel processo per la vicenda Sopaf. Una assoluzione con formula piena, “perché il fatto non sussiste”. Non sussistono, quindi, i fatti contestati e le accuse che per due anni sono state rilanciate contro di lui da un circo mediatico che ha coinvolto organi di stampa e colleghi giornalisti, molti dei quali alla (vana) ricerca di fortune politico-sindacali sulla pelle degli altri.
Non avevo dubbi che l’assoluzione sarebbe arrivata. Perché credo ostinatamente nella giustizia e odio processi mediatici e condanne a priori. Perché ho sempre sostenuto, in ottima e qualificata compagnia, l’inconsistenza e l’illogicità delle accuse, pur nel rispetto dell’obbligatorietà costituzionale dell’azione penale. Perché ho studiato i documenti messi a disposizione del pubblico, che qualcuno ha ripreso a stralci scollegati dal contesto e ne ha dato interpretazioni che per alcuni benevolmente posso definire fantasiose e incompetenti, per altri non esito a definire diffamatorie, delle quali mi auguro presto si occupi la giustizia. Perché conosco e apprezzo il valore e la competenza del personale che lavora per il nostro Istituto di previdenza e ne ammiro l’onestà e la rettitudine. Perché ho avuto la fortuna di conoscere Andrea: un professionista competente che ha portato per la prima e finora unica volta i giornalisti ai vertici della rappresentanza nazionale ed europea delle professioni, una persona onesta e trasparente, un presidente che ha saputo con dignità e capacità confrontarsi e sostenere l’urto degli attacchi di certa politica, dei governi di turno e di un mercato del lavoro in caduta libera.
Sono stati due anni in cui Andrea ha sopportato, in silenzio e senza mai cercare di sfuggire alla giustizia, il peso di accuse e attacchi diffamatori che non si augurerebbero neanche al peggior nemico. Perché segnano l’anima e il corpo nel profondo. E non c’è purtroppo ristabilimento di verità che possa cancellare il male subito, le vergognose cattiverie, e che possa restituire quelle opportunità di continuare a svolgere un ruolo competente e utilissimo per la categoria che è stato irrimediabilmente compromesso dall’eco artificiosamente data dai detrattori in cerca di visibilità a una vicenda palesatasi da subito come marginale e debole rispetto al complesso di un’inchiesta giudiziaria molto più ampia.
Ora mi attendo dai tanti colleghi giornalisti “moralizzatori” lo stesso fiume in piena di commenti alimentato a suo tempo a sostegno delle tesi del PM, nonostante la logica dei fatti. Ma forse basterebbe una parola, “scusa”, che temo sia sconosciuta ai moralizzatori e ai leoni da tastiera.

Massimo Marciano

=========

Sopaf: assolto Andrea Camporese (Inpgi)

Assoluzione Camporese, Macelloni: “E’ la migliore risposta a chi ha cercato di screditare l’Inpgi”

Camporese: “Il Tribunale ha riconosciuto che ho sempre agito nell’interesse dell’Inpgi”

Sopaf, Andrea Camporese assolto ‘perché il fatto non sussiste’. Fnsi: «Sbugiardato chi ha alimentato la macchina del fango»

Andrea Camporese: “Descritto come un diavolo”

Assoluzione Camporese, Costante (Capss): “Ora l’Inpgi agisca contro chi ha leso l’immagine dell’istituto”

Andrea Camporese assolto con formula pienaVicenda Sopaf: assolto con formula piena l’ex presidente Inpgi Andrea Camporese

Caso Sopaf, assolto dalle accuse di truffa e corruzione l’ex presidente della cassa dei giornalisti Camporese Sopaf: Camporese, ho sempre agito nell’interesse dell’Inpgi

Assoluzione Camporese, Sindacato giornalisti Veneto: “Giustizia è stata fatta”Inpgi, Andrea Camporese, “Assolto con formula piena”, Grazie a tutti

Assolto Camporese, ex presidente della previdenza dei giornalisti

Morto Scarlata, protagonista delle lotte dei giornalisti italiani

orlando-scarlataE’ morto ieri a Palermo a 86 anni Orlando Scarlata, a lungo impegnato ai vertici degli istituti di categoria dei giornalisti italiani e protagonista delle lotte per la difesa del lavoro, della libertà di stampa e della sua Sicilia, terra d’adozione in cui ha trascorso la sua vita e dove ha lavorato.
E’ stato uno dei “monumenti” della professione che noi giovanotti di quel tempo vedevamo come punto di riferimento. Ai suoi cari un abbraccio affettuoso.
Massimo Marciano

================

Saluto a un vecchio amico

di Sergio Raimondi (*)

D’accordo non era certo più giovane, da tempo la sua salute era malferma anche se fino a qualche anno fa questo non gli impediva di fare quello che aveva fatto per una vita: lottare e impegnarsi per tutti, tutti, i giornalisti. Orlando Scarlata se ne è andato portando con sé una gran parte della storia di quelli della mia generazione ma non solo. E portando con sé una dimensione umana che questi tempi sempre più perdono o disconoscono.
Lollone è stato un protagonista ma soprattutto un amico. Qualcuno dirà che amava il potere, essere ovunque e sempre. E in parte è vero. Ma la sua dimensione era diversa: nel sindacato dei giornalisti non fu mai tenero con gli editori tutti e riceveva rispetto. Non cercava patti ma mediazioni ragionevoli.
Al vertice di Inpgi e Casagit gli riuscì di risanare bilanci malandati per via di cattive amministrazioni nonostante fossero anni di floridita’.
Di avversari, se non nemici, ne aveva tanti. Ma tutti sapevano che in caso di bisogno la porta di Lollone sarebbe stata sempre aperta, il suo aiuto non lo avrebbe mai negato a nessuno.
Lo sperimentai anche io che a volte gli fui alleato e molte altre avversario. Ma sempre amici, veri e leali. Una volta un collega e compagno di battaglie conio’ per me una delle sue definizioni fulminanti: ero uno “scarlattocomunista”. Fulminante e vera. Epici gli scontri di Lollone con un altro gigante, Etrio Fidora: nemici-amici. Uno democristiano l’altro comunista: si imparava da entrambi.
Nelle lunghe riunioni Lollone si addormentava. Russava. Ma se dal podio l’oratore di turno diceva qualcosa di strano, lui si svegliava come per incanto, come avesse seguito il filo di ogni intervento. E balzava su con le sue analisi, lucidi e puntuali.
Non lo vedevo da tempo. Spero se ne sia andato così, a modo suo: dormendo lucidamente.
Ciao Lollone, caro vecchio amico.

(*) giornalista siciliano

================

http://www.giornalistitalia.it/morto-il-giornalista-orlando-scarlata/

Stampa romana: l’intervento di Massimo Marciano all’assemblea degli iscritti

Massimo Marciano
L’intervento di Massimo Marciano, curatore di Riformagiornalisti.it, all’assemblea degli iscritti all’Associazione Stampa Romana del 28 marzo 2017 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio a Roma:
https://www.radioradicale.it/scheda/504207?i=3690063

Ordine: si è dimesso da presidente nazionale Enzo Iacopino

Il presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti, Enzo Iacopino, si è dimesso dal suo incarico. La notizia è stata data poco fa dall’Ansa. Questo il testo diramato dall’agenzia:

enzo-iacopino++ Iacopino si dimette da presidente Ordine Giornalisti ++
‘Ho deciso un anno fa di lasciare dopo la legge sull’editoria’
(ANSA) - ROMA, 16 MAR - Il presidente dell’Ordine dei Giornalisti Enzo Iacopino si e’ dimesso. La decisione e’ stata comunicata questa mattina al termine del Consiglio. “Considero concluso il mio mandato - spiega all’ANSA - Era una decisione presa quasi un anno fa: volevo completare il percorso della legge sull’editoria, ora siamo alla fase del decreto attuativo”.
Sara’ il vicepresidente Santino Franchina a prendere l’interim e a convocare entro 15 giorni il Consiglio per l’elezione del nuovo presidente. (ANSA).

(ANSA) - ROMA, 16 MAR - Iacopino ha spiegato che “le dimissioni saranno effettive dopo aver espletato alcuni adempimenti”, probabilmente entro lunedi’. “Considero chiuso il mio mandato - ha aggiunto - ci sono colleghi che sapranno gestire egregiamente l’impegno necessario”.

Formazione giornalisti: nella rete della “black list” dell’Ordine nazionale, come chiedere la rimozione

formazione1Come era facile prevedere e come il buon senso avrebbe suggerito di temere, la rete della “black list” decisa dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, nella quale vanno a finire tutti coloro che risultano assenti anche solo a un evento formativo al quale si erano prenotati, sta facendo parecchie vittime. E la cosa, oltre che ad arrecare parecchio disagio ai colleghi che occasionalmente e per motivi indipendenti dalla loro volontà saltano anche un solo appuntamento formativo, si sta traducendo anche in un aggravio di lavoro per gli operatori degli Ordini regionali, ai quali è stata scaricata dal nazionale l’incombenza di provvedere alla rimozione dalla “black list” dei giornalisti che, per ottenerla, devono presentare un’apposita istanza.
Per offire ai colleghi un aiuto nella richiesta di rimozione dalla “black list”, il nostro gruppo di “Giornalisti per la riforma della professione” ha predisposto un modello di istanza, che può essere scaricato attraverso un link presente in fondo a questo articolo, insieme alle relative istruzioni per la compilazione e l’invio al competente Ordine regionale.
Come abbiamo già scritto in un nostro precedente articolo, per come è stata concepita, la decisione del Consiglio nazionale dell’Ordine non tiene conto di una serie di valutazioni di buon senso: 1) la limitazione a tre delle prenotazioni agli eventi formativi già di per sé rappresenta un disincentivo alla “occupazione” di posti prenotati ai corsi ai danni di altri; 2) far scattare l’inserimento nella “black list” già alla prima assenza, e non dopo più di una (la ragionevolezza suggerirebbe almeno tre), fa cadere nella “rete” anche chi (e sono molti) ha avuto un imprevisto all’ultimo momento; 3) sarebbe utile prevedere una rimozione automatica dalla “black list” dopo un certo periodo di tempo di “purgatorio” nelle “liste d’attesa” nei corsi successivi, al fine di limitare la necessità dei colleghi di presentare l’istanza di rimozione quindi di intasare di richieste gli uffici competenti del proprio Ordine regionale, aggravandoli di un onere aggiuntivo; 4) prima di procedere all’inserimento nella “black list” sarebbe utile inviare un avviso: un “cartellino giallo” prima del “cartellino rosso” sarebbe una procedura ragionevole, possibile qualora la “black list” scattasse non subito, alla prima assenza.
Sono tutte riflessioni che auspichiamo il Consiglio nazionale dell’Ordine prenda in considerazione, rivedendo la propria decisione. Nell’attesa, come annunciato sopra, abbiamo predisposto un modulo-base per presentare al proprio Ordine regionale la richiesta di rimozione dalla “black list”.

===========
Il modulo per la richiesta di rimozione può essere scaricato (in versione Pdf o Word) a questi link:
modello-rimozione-blocco-blacklist-sigef (versione Pdf)
modello-rimozione-blocco-blacklist-sigef (versione Word)

I recapiti del proprio Ordine regionale (indirizzo, e-mail o Pec) a cui inviare l’istanza si possono trovare a questo link: http://www.odg.it/ordini_regionali

Bad Behavior has blocked 107 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok