Inpgi 2: quesiti - Liberi professionisti e parasubordinati; aliquote diverse, stessa cassa previdenziale

lavoro-giornalistiIl quesito di M. M.:

Sono iscritto all’Inpgi 2 e faccio una serie di lavori retribuiti tutti con fattura libero professionale. Per la pensione verso il 12% (10+2) e se il reddito crescerà darò un contributo aggiuntivo.

Se in una delle aziende con cui collaboro mi dovessero fare un contratto co.co.co. la contribuzione salirebbe al 26%. Ma che succede con gli altri lavori? Devo alzare tutta la contribuzione, anche quella delle fatture, al 26%? Non mi crea problemi burocratici con l’Inpgi il fatto che su alcune cose contribuisco al 26% e su altre al 12%?

=====

La risposta di Massimo Marciano:

Caro collega,

non c’è nessun problema e non devi variare alcuna aliquota contributiva relativa alle prestazioni fatturate. Si tratta di due forme di lavoro giornalistico non dipendente, l’una libero-professionale e l’altra parasubordinata, per entrambe le quali la legge prevede la contribuzione alla Gestione separata Inpgi.

La diversità sta solo nella natura giuridica del lavoro, nell’entità della contribuzione e nel soggetto obbligato alla contribuzione: per il lavoro libero-professionale è il giornalista, per quello parasubordinato è il committente. Ma la cassa previdenziale, il montante individuale e il sistema di calcolo della futura pensione è invece lo stesso.

La contribuzione per i parasubordinati è per i 2/3 a carico del committente e per 1/3 a carico del giornalista (quest’ultima quota gli è trattenuta in busta paga e versata all’Inpgi 2 dal committente insieme alla quota a lui spettante. La contribuzione del libero-professionista, invece, è interamente posta a suo carico ed è comprensiva di: 1) una quota, fissata annualmente (lo scorso anno e quest’anno è di 40 euro), per la copertura del finanziamento per l’indennità di maternità delle giornaliste freelance; 2) una quota (pari al 10% del reddito libero-professionale netto annuo fiscalmente denunciato, che va ad alimentare il montante contributivo personale; 3) una quota (pari al 2% del totale dei corrispettivi lordi riscossi nell’anno) destinata a coprire spese di gestione, per la quale il giornalista ha diritto di rivalsa sul committente.

C’è da aggiungere che per il lavoro parasubordinato vi sono delle prestazioni in più rispetto a quelle garantite ai liberi-professionisti, finanziate da un’aliquota contributiva dello 0,72%, che si aggiunge al 26% dei contributi di cui parli giustamente tu (e per la quale l’onere è ripartito tra committente e giornalista nelle stesse proporzioni viste prima per la quota del 26% per i contributi). Questa aliquota aggiuntiva serve a finanziare, per coloro i quali si trovino nelle condizioni per usufruirne: indennità di maternità (assicurata, come visto prima, anche alle giornaliste libere-professioniste), congedo parentale, assegno per il nucleo familiare, indennità di malattia e di degenza ospedaliera.

Per quanto riguarda, infime, la contribuzione aggiuntiva per i libero professionisti, è facoltà di ognuno versarla, in aggiunta al 10% di legge, con un incremento minimo del 5%. La scelta può essere fatta ogni anno nel momento in cui si fa la comunicazione telematica del reddito dell’anno precedente, nel mese di luglio.

Bad Behavior has blocked 119 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok