Fnsi: «Mobilitazione perché minacciare i giornalisti sia aggravante di reato»

«Mentre in Parlamento giacciono impantanate le proposte di legge volte a eliminare il carcere per i cronisti e sanzionare chi, sentendosi diffamato, chiede risarcimenti spropositati, i giornalisti italiani continuano ad essere minacciati e a subire pressioni attraverso lo strumento delle cosiddette “querele temerarie”. Tutto questo non è più tollerabile». Lo affermano, in una nota, il [...]

Ordine: Ghirra, «Primo passo per una riforma che ci metta in linea con i tempi»

di Giancarlo Ghirra (*)
Ci sono voluti oltre dieci anni, ma alla fine il Parlamento ha approvato il primo passo della riforma del Consiglio nazionale dei giornalisti, riducendo a 60 (contro gli attuali 156) i componenti dell’assemblea e del Consiglio nazionale di disciplina. La minoranza di Liberiamo l’informazione si è battuta anche con numeri ridotti per [...]

Fnsi: «Bene stralcio sul carcere ai giornalisti. E il 24 in marcia a Polistena»

«Non possiamo che prendere atto con soddisfazione della decisione, annunciata in aula dal relatore senatore Cucca, di stralciare dalla legge a tutela degli amministratori “sotto tiro” la parte relativa all’inasprimento ulteriore delle sanzioni penali, leggi carcere, relative alla diffamazione». Lo affermano, in una nota, il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e [...]

Fnsi: «Diffamazione, Senato cancelli il carcere per i giornalisti»

«La Fnsi condivide la necessità che il Parlamento definisca una normativa a tutela degli amministratori pubblici minacciati da mafie e camorre, anzi ritiene che sempre più il mondo dell’informazione debba “illuminare” le aree a rischio sostenendo chi contrasta ogni forma di illegalità e di criminalità. Proprio per questo invitiamo il legislatore a non “inquinare” il [...]

Giornalisti: antimafia, «Diritto al segreto professionale anche per i pubblicisti»

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana e l’Associazione Siciliana della Stampa comunicano:
«L’estensione ai giornalisti pubblicisti del diritto di poter ricorrere al segreto professionale per tutelare le fonti, finora loro negato, e che la commissione parlamentare antimafia ha invece voluto inserire nella sua relazione conclusiva, accoglie pienamente le richieste avanzate in questo senso dalla Federazione nazionale [...]

Bad Behavior has blocked 158 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok